Tag Archives: web 2.0

XML newsticker con jQuery (Ajax)

Un post brevissimo, per appuntare qui un altro ‘giant leap’ nella mia curva di apprendimento di jQuery e tecnologie Ajax. Stavolta (per un progetto reale) ho realizato un paio di prototipi di newsticker(s) in Ajax con jQuery che si prendono i dati da un file XML. E’ qui la differenza. Con jQuery è molto sempice fare il parsing di un file XML ed è molto semplice applicargli degli effetti.
Fading | Scoll continuo con pausa in hover

jQuery 1.1.3: 800%+ Faster, still 20KB

John Resig, ideatore e lead developer di jQuery JS library, ha annunciato oggi la release della versione 1.1.3 che come potete verificare voi stessi dallo slick speed test, il DOM traversal (selettori CSS e XPath) è ora più veloce dell’800%!
In 4 punti:

  1. We’re over 800% faster than we were in jQuery 1.1.2.
  2. We’re the fastest framework in the most popular browser, Internet Explorer 6.
  3. We’re the only framework that doesn’t give incorrect results.
  4. And all of this comes at no expense to you ― jQuery is still the same 20KB that you’ve come to expect and enjoy.

Tutto ciò, con mia grande soddisfazione dimostra che quando quasi un anno fa ’scoprii’ jQuery e pensai che questa davvero sarebbe stata una javascript revolution per i designers non mi sbagliavo.

jquery.slideviewer.js

Dopo avere sperimentato un altro pò con la galleria di immagini realizzata nel precedente post, ho realizzato il mio primo plugin ufficiale per jquery: slideViewer.

Si usa molto banalmente; si parte da una lista non ordinata (UL) con dentro delle immagini. Gli si dà un ID (id=”myGalleryID”) ed una classe (class=”svw”) e in perfetto stile jQuery gli si ‘applica’ il plugin dopo avere atteso che sia il DOM sia le immagini si siano caricate:

1
2
3
$(window).bind("load", function() {
	$("div#myGalleryID").slideView();
});

27 giugno 2007: enhanced tooltips
Una cosa che mi ha portato a verificare se un altro plugin poteva essere integrato in slideViewer opzionalmente, e cioè che potesse funzionare con o senza altri plugin estendendo le sue features, è stato il numero di feedback ricevuti sulla discussion list di jQuery.

Commenti come questo, proprio dall’inventore dell’utilissimo toolTip plugin mi hanno fatto molto piacere:

Now, how cool is that? Great stuff. I love the backinout easing. I consider integration of plugins the toughest part of all plugin development, nice to see some great work getting done on that matter :-)

In un paio di giorni (non full-time eh, ho anche gli elicotteri da far volare…) ho integrato il toolTip plugin e ho reso parametrizzabili il tipo di animazione e la sua durata. Il tutorial con gli esempi sono sempre alla stessa pagina comunque posto in queste due righe:

1
2
3
4
5
$("div#mygalthree").slideView({
	easeFunc: "bounceinout",
	easeTime: 2400,
	toolTip: true
});

Si tratta del comando che diamo nell’head della nostra paginetta html se vogliamo creare un galleria di immagini che abbia 2 secondi e quasi-mezzo di durata della transizione tra un foto e l’altra, e che rimbalzi per esempio tramite la funzione bounceinout. Ah appunto, vogliamo anche un tooltip un pò gajardo…

et voilà, slideViewer plugin per jQuery.

Got it, thanks. Fantastic, most lightweight/best slide carousel out there. money. :-P
— E.

Una lista di siti che usano jquery.slideviewer aggiornata al 01/04/2008:
Zachary Zavislak Photography
Di Stefano landscaping
Rival Songs

Google Maps Street View

gmaps street viewStreet View é una nuova feature di Google Maps che permette di navigare panorami (Adobe Flash) a 360 gradi, ad alta risoluzione, ad altezza della strada di varie (per ora, poche) città degli Stati Uniti. Google ha investito $25 (milioni) per l’operazione ed evidentemente per scattare tutte queste foto ha sguinzagliato i suoi “geeks” in giro per le città. Ecco il tipo di macchina fotografica impiegata.

La cosa simpatica che sta avvenendo, mentre questa nuova feature viene sempre più usata, é che ci sono siti che raccolgono le stranezze di Street View e cioè foto di persone e cose, che a causa dell’adattamento e della post-produzione necessaria a ricreare tutti questi panorami in Flash, appaiono stravolte nelle sembianze, addirittura senza faccia, o immortalati quando meno se lo aspettavano…. guardate un pò voi. Ma chissà cosa dicono le persone fotografate. Avranno dato l’autorizzazione a Google per diffondere le loro foto? Non credo proprio, si vede chiaramente che queste foto sono state scattate in maniera pseudo-automatizzata (ogni tot. metri).

With Street View, you can virtually explore city neighborhoods by viewing and navigating within 360-degree scenes of street-level imagery. It feels as if you’re walking down the street!

Io già ho visitato ‘a piedi’ tutta l’area vicino al bay bridge a San Francisco e vi assicuro che questa nuova feature é davvero fantastica e certamente diverrà popolare molto presto. Provate voi stessi.

Queste le città visibili ad oggi: San Francisco Bay Area, New York City, Las Vegas, Denver and Miami.

 

WordPress 1.5.2

Questo sito funziona con WordPress, a state-of-the-art semantic personal publishing platform with a focus on aesthetics, web standards, and usability.
Ieri sera avevo ben pensato di upgradare WP alla versione 2.1; ho scaricato dal sito lo zip, ho salvato dal mio server le pagine di cui avevo modificato qualcosa nel frontend e ho cancellato la vecchia versione. Contando sul fatto che i miei post fossero sul db ho cancellato e riuploadato il contenuto del folder wordpress.
Rilancio la url e mi accorgo che ho fatto un casino. Primo ho perso tutti gli upload jpg. Secondo e più grave, il mio old-styled shared server su MediaTemple ha la versione 3 di mySQL e che, sentite sentite, WP2 gira solo col la versione 4. Bene, scrivo a MT ma mi rispondo che

MySQL 4 is not available on the (ss) Shared Server. If you need a newer version of MySQL you will need to migrate to the (gs) Grid Server

Sfortunatamente questo costerebbe 20$ al mese, che per ora non vale la pena di investire. Così sto faticosamente ri-inserendo i vecchi post, le categorie ecc nella vecchia 1.5.2 che ho riscaricato.
Fortunatamente tutte le cose senza senso che vevo scritto qui, erano nel vecchio db e le sto reinserendo. Un grazie spaciale a Leo, che mi ha aiutato a capire come rifare l’installazione ed il dump del db.

Sarà una buona occasione per fare un nuovo tema (xHTML + CSS) per questo sito, che salvo decisioni in merito di budget per l’hosting, continuerà ad essere versione 1.5.