Tag Archives: style

CSS3: si ma quando?

css3infoIeri mi sono imbattuto in questi due post: Is it time for CSS 2.2? di Roger Johansson e CSS2.2 di Andy Budd.

Si tratta di un paio di riflessioni sull’ argomento Cascading Style Sheets e sulla lentezza con la quale il W3C sta lavorando: é infatti dal 1999 che si attende la release ufficiale dei “moduli” CSS3 (cioè delle specifiche da implementare nei browser al fine di supportare la nuova sintassi CSS3).

The early pace of CSS development was pretty impressive. First proposed by Hakon Lie in Oct 1994, CSS1 became one of the first W3C recommendations in Dec 1996. Nipping at its heals, CSS2 became an official recommendation in May 1998, just 18 months later. By June 1999 the first 3 draft modules of CSS3 had been published, and in their ground breaking book published that same year, Bert Bos and Hakon Lie postulated that CSS3 would arrive sometime in late 1999. Over 7 years later, and we’re still waiting. This begs the question, what went wrong?

Per noi designers e developers, già avere il pieno supporto da parte di tutti i browser in circolazione, almeno della sintassi CSS2.1 già sarebbe cosa buona perchè non dovremmo usare selettori differenti per ogni tag a seconda dei browser (sopratutto per Microsoft Internet Exploder, che anche nella versione 7 non ce l’ha fatta a supportare almeno un paio di selettori decenti… ma si sapeva… infatti io ancora non me lo sono installato).

Solo Mozilla/Firefox supporta quasi del tutto la sintassi CSS2.1 ma addirittura supporta alcune delle cool features di CSS3 come i multicolumns layout, rounded corners, alcuni potenti selettori di attributo…
Il problema dei CSS riguarda in generale anche il futuro del web perchè se i browser vendors da un lato hanno enormi difficoltà ad implementare le direttive W3C, c’è anche da dire che il W3C stesso sta impiegando troppo tempo a definire il futuro del web, dimenticandosi nel frattempo del presente. Comunque se volete dare un’occhiata alle ‘cool features’ di CSS3 (cool features per designers, ovviamente) guardatevi questo sito e il PDF che Andy Budd aveva preparato per una recente conference sui web standards in Scozia.