Tag Archives: music

Quite, but not inactive

ultraswede
The Hagstrom UltraSwede electric guitar.

Been a while since my last study on L-systems (for graphics) and/or some kind of jQuery component, but I feel this is a time for a change; first of all I got a new (another) hobby: electric guitars… wait, I am learning the ‘basic stuff’ (C major scale, pentatonic scales, strum patterns, blues riffs and some Pink Folyd ‘classics’) with a guitar borrowed by a friend of mine, along with its 50W Roland aplifier and a boss DIST effect; I think I’ll get a Hagstrom UltraSwede (the guitar in the picture) wich has a rich/full clean/acoustic sound at a competitive price. The other part of the change is that the server-side (Java, not the dark side) is attracting me because the more i get my hands on the language APIs, libs, patterns and best practices behind a Java Web App (a J2EE app), the more i get hoocked.
More to come. Don’t know why, I am writing in a language wich is not italian.

Faber est suae quisque fortunae.

music and the body

emus_low
Heart Rate (red) and the Galvanic Skin Response (blue). Music (grey waveform) has the power to alter our emotional states. BIO-RHYTHM exhibition. Trinity College Dublin, Science Gallery. Summer 2010.

Se vi capita di passare per Dublino entro il primo ottobre di quest’anno, fermatevi alla Science Gallery nel Trinity College per partecipare a questo singolare esperimento su musica, emozioni e fisiologia: Emotion in Motion, parte della BIO-RHYTHM exhibition. La musica ha il potere di influenzare il nostro ’stato emozionale’; la musica ci fa gioire, saltare, ballare, piangere… ma come è possibile dimostrarlo scientificamente? Analizzando la risposta fisica in termini di battito cardiaco e conducibilità elettrica della pelle, é possibile vedere la ‘risposta’ del nostro corpo alla musica; canzoni che conosciamo o che non ci piacciono, influenzano questi parametri: vi mostro la rappresentazione grafica dei miei parametri registrati durante l’ascolto. Interessante la linea blu, che sale appena inizia la musica: indica che la mia pelle è diventata istantaneamente più ‘conduttiva’.

Songza

Stamane sul discussion group di jQuery hanno segnalato questa simpatica (portentosa) web app: Songza – The music search engine and internet jukebox.

Songza’s primary purpose is to illustrate how to provide content using a “humane interface” – the term used to describe interfaces that reflect how people actually use software. Songza presents this concept through its clean, clutter-free design and transparent remote control. New features will be added in time.

— Jef Raskin

L’interfaccia è davvero notevole ed originale, innovativa, usabile e con un solo click si accede ad una decina di funzioni (play, share, rate, add to playlist … ) e tra i vari plugin utilizzati – eh sì plugin, perchè è fatta con jQuery – figura Thickbox dove per mezzo di finestre modali permette di ricavare – per esempio – la stringa per fare l’embed del loro player, qui visualizzato con la stessa tecnica (Thickbox), visto che c’ero.

Funziona in parte per mezzo delle API di YouTube, e sostanzialmente cerca tra i “video” quelli musicali e li riproduce su di un minuscolo flashplayer privato dello stream video, e quindi si sente solo l’audio. Grande idea, ottima interfaccia, stupenda webapp.