Monthly Archives: April 2010

textrusion

two
letterExtruder http://www.openprocessing.org/visuals/?visualID=9401

Come già visto in qualche post precedente, l’oggetto PGraphics permette di disegnare offscreen; è possibile poi analizzare pixel-per-pixel l’immagine PImage generata ed utilizzare le informazioni come colore e posizione dei pixel per inventarsi qualcos’altro. Da qualche giorno ho scoperto una tecnica per scrivere in 3D partendo da ‘pixel font’ originariamente renderizzati in 2D (i pixel font sono caratteri appositamente realizzati per poter risultare leggibili a dimensioni ridottissime, molto usati nei siti Flash, senza antialias) su di un PGraphics. Ho realizzato queste due Applet dalle quali potrete capire il funzionamento ma avrete la pazienza di studiarvele senza ulteriori indicazioni. Intanto sto indagando ulteriormente per applicare della fisica con jBullet, al fine di poter simulare la collisione tra le forme. Posterò gli sviluppi.

Axiom

genarch02

Viste le considerazioni degli ultimi mesi in materia di grafica generativa con Processing, e sperimentazione sulla possibile ramificazione degli alberi 3D, non potevo non affrontare lo studio degli L-Systems che poi, sono niente di più che un sistema ricorsivo di riscrittura di stringhe. Ah bene, chissà che mi credevo. Si, ma richiedono moltissima sperimentazione anche se a prima vista appaiono semplici.

In questo breve primo post sugli L-Systems voglio solo annotare alcuni concetti di base nel solito monologo – non necessariamente chiaro e comprensbile – atto a tener traccia dei miei progressi, se di progressi posso parlare; tutti gli L-System, come già visto per gli automi, funzionano richiamando sempre una stessa funzione – sono ricorsivi – che implementa determinate regole e possono essere realizzati con questi elementi:

  • Una grammatica generativa (assioma, regole, processo di sostituzione)
  • Un parser (di stringhe)

La grammatica generativa.
Per grammatica di un sistema semplice si intende un set di 3 simboli come F+-
I simboli si differenziano in terminali e non-terminali; i simboli terminali (+-) servono, per esempio, a ‘girare’ entro un certo angolo un oggetto disegnato; i simboli non-terminali (F) servono a disegnare un nuovo oggetto. Questi simboli sono convenzioni, si posso usare tutti i simboli che si vuole, ma é sempre meglio attenersi alle convenzioni, per praticità.
All’inizio del processo viene letto un assioma e cioé un simbolo (o più simboli) del linguaggio predefinito (F ma anche F+F o più lunga) a partire dal quale inizia il processo di sostituzione ricorsiva; potremmo definirlo il ’seme’ del processo. A seguire viene applicata la regola, scritta con un qualsiasi elemento del linguaggio predefinito, come per esempio: F+-F–F+F. Ogni volta che il parser incontra un carattere F (non-terminale), genera una nuova forma e rigenera per intero la regola, una volta per ogni simbolo non-terminale; ogni volta che il parser incontra un simbolo terminale (+-) ruota il sistema di coordinate prima di generarla. Voilà, ecco il branching? Non proprio, le piante crescono in un contesto tridimensionale e quindi non basta girare su un asse soltanto. Vanno perciò introdotti altri simboli per effettuare il push ed il pop del matrix stack; per convenzione sono []<>^&
In un contesto bidimensionale però sono sufficienti i set di caratteri di base F+- per creare il Koch snowflake e lo Sierpinski triangle, che sono ritenuti un tipo di frattale.

Il parser.
Questo é il cuore di un L-System, é la funzione ricorsiva che applica la regola iniziale (assioma) e da il via alla generazione della nuova stringa. Ad ogni loop – o generazione – la stringa viene analizzata carattere-per-carattere e genera una nuova stringa, più grande, fino all’infinito. Il solo limite é la potenza del computer sul quale gira il sistema.

lsys01
lsys02
L-System test
Axiom: F
Rule: F-<[F>-^-<F]>+F

Insomma, c’è molto da sperimentare perchè le cose si fanno davvero complicate quando si cerca di controllare la complessità/caoticità proprie degli L-Systems; l’appeal estetico di questi sistemi (queste due immagini non sono appealing, ma rendolo l’idea della rapidità di crescita e caoticità di forma ottenibili in sole 6-7 generazioni) risiede nella imprevedibilità delle forme che si possono creare. La tentazione di creare ‘arte’ generativa con questi sistemi é forte, ma c’è un ma: essi sono ricorsivi e deterministici, cioè si ottiene – a fronte di una certa regola – sempre la stessa forma, per quanto inaspetattamente stravagante; per questo esiste la possibilità di complicare ulteriormente la faccenda con sistemi randomici, parametrici, dipendenti dal contesto e/o da altri fattori. Di queste amenità continuerò l’esplorazione, chissà che non mi esca qualcosa di interessante.