Monthly Archives: February 2009

live Input

Ecco, nello scorso post dicevo che forse sarebbe valsa la pena di proseguire la ricerca nel campo dei ‘pixel’ per arrivare ad una specie di word processor che usa questo sistema di particelle per comporre i caratteri a video; una prima Applet corredata di sorgente è visualizzabile qui ed in questo video (anche .mov format). Per ora ha un bug: non posso cancellare i caratteri e c’è un problema con l’ultima lettera a dx.

We are Pixels.

Esigenza: trovare un modo per spostare dei punti (istanze di una ipotetica classe con proprietà relative a massa, accelerazione, velocità e posizione e relativo moto e forze – da qui l’effetto ‘organico’ se si usano sempre Vettori per muovere un punto) verso un determinato altro punto. Esiste in processing un metodo statico (get(x,y)) per ricavare il colore e (per come esso viene ricercato) la posizione x y del suddetto pixel (con un doppio loop per popolare un Array 2D).
Ipotizzando di avere una scritta o una forma all’occhio non visibile – perchè renderizzata con un canale alpha troppo basso, ma sufficiente ad essere rilevato come un valore rgb (es. 122545) – ecco che di conseguenza si può (sopratutto) conoscere quella posizione in coordinate cartesiane xy; da qui ho voluto – con la solita classe dei precedenti esperimenti che però appena sono creati vengono solo accelerati verso un altro punto – creare delle istanze che sanno – anche – quale è la loro origine, cioè per ognuna una posizione ‘originaria’ espresa in x ed y alla quale si può ‘tornare’ magari premendo un tasto.
Più o meno è questo il concetto di base e comunque il codice è visualizzabile in questa pagina insieme alla Applet. Premendo un tasto, tutte si spostano verso la loro origine perchè viene applicata una accelerazione verso quel punto; tutte insieme danno origine ad una forma o come in questo caso, del testo. Ma potrebbbe essere il solo colore nero di una qualsiasi foto, non visibile all’occhio ma scannerizzata pixel per pixel da una più evoluta classe Pixel(x, y, color, mass etc)…

Il prossimo step (e su questo progetto forse vale la pena spendere qualche ora) sarebbe di far andare le particelle in una certa direzione che viene impostata in tempo reale, cioè caratteri che si formano mentre si scrive sulla tastiera … E se pò fà…

Ah un’ultima nota su Processing. Ovviamente per quasi qualsiasi applicazione scriviate e certamente per tutte quelle che hanno un otput video, c’è sempre la possibilità (per default, solo importando una delle librerie presenti nel pacchetto) di fare un movie quicktime della grandezza che la vs macchina permette di generare come questo (QT movie 19.729 Kb) in tempo reale mentre la vostra applicazione gira nel suo IDE oppure gererare jpg, png, tiff e pdf.

Emitter

e02
e01
e03
e04

Emitter series, realizzati con Processing; qui trovate la Applet ed il sorgente della prima versione.

Di questa seconda versione, denominata IR1916 (come la galassia a noi più lontana, circa 120 milioni di anni luce dalla Terra) ho caricato il file .mov su Vimeo; purtroppo la compressione non risparmia i singoli pixel in movimento – che sono il particolare che ho cercato e ricercato – e per questo consiglio di scaricare il .mov originale nel portfolio (se scrollate, lo trovate); ho comunque estratto alcuni frames dai quali si nota come l’uso del perlin noise fà sì che si formino delle textures durante la generazione delle particelle e anche per spiegare i concetti di base che governano la colorazione di questo Emitter. mò, con due minuti lo spiego…